XXX TENTACION

Tutta la verità sul caso


XXXTENTACION

Tutta la verità sul caso

xxxtentacion

In questo articolo riporteremo tutto ciò che attualmente si sa sul caso della morte di XXXTentacion. Approfondiremo anche le varie tesi che sostengono che in realtà il rapper sia ancora vivo.
Buona lettura.


Il mondo dell’hip-hop e della musica in generale si è fermato per un istante nella notte di lunedì 18 giugno 2018.
Alle ore 23.00 circa (ora italiana) il mondo ha appreso la tragica notizia di un coinvolgimento di XXXTentacion in un aggressione armata, che secondo le prime indiscrezioni aveva lasciato il rapper in coma.
Meno di 40 minuti dopo tutti noi riceveremo la tragica conferma che nessuna persona, indipendentemente dall’apprezzamento artistico verso l’artista, voleva sentire:
XXXTentention viene dichiarato ufficialmente deceduto dallo sceriffo del dipartimento di Broward (Florida).

“I spoke to the devil in Miami, he said everything would be fine”

Questa frase veniva pronunciata da X in una sua celebre canzone, a distanza di qualche mese, il corpo senza vita di Jahseh Dwayne Onfroy viene ritrovato senza vita proprio a Miami, creando il vuoto di un artista che perde la propria vita all’età di soli 20 anni lasciando tutti noi con un grande dubbio in testa.

DIAMO DAVVERO IL GIUSTO PESO ALLA VITA?

Tentacion non è stata l’unica vittima di questo mondo malato.
Sempre nella giornata di lunedì, a pochi minuti dalla notizia sulla sua morte è arrivata anche la tragica notizia della scomparsa di Jimmy Wopo, rapper classe 1997, anche lui morto freddato da dei colpi di pistola mentre era in macchina con un amico.
Wopo era una promessa di Pittsburgh, lo definivano il successore di Wiz Khalifa, e di li a pochi giorni avrebbe firmato un contratto con una grande etichetta ma il sogno di una vita si è spento in pochi secondi per mano di un altra persona che ha deciso per lui.

Come è possibile che all’alba del 2018 un qualsiasi ragazzo di 20 anni in una nazione come l’America venga freddato come in un videogame in mezzo a strada?

Facciamo un passo indietro e analizziamo tutta la storia per vari step.

  • LA VICENDA RIPORTATA DAI MEDIA 

Il rapper aveva da poco fatto costruire quella che era la casa dei suoi sogni, una villa del valore di 1,4 milioni di dollari con 5 camere, 4 bagni e piscina. La casa si trovava a soli 15 minuti dal luogo dove avverrà poi l’omicidio.

Nel pomeriggio di lunedì XXXTentacion si trova appunto a Miami.
Annuncia con una storia su Instagram, che sta pensando di organizzare un evento di beneficenza per la città.
Nel frattempo si sta dirigendo verso una concessionaria di motocicli a bordo della sua BMW.
Quello che ancora non sa è quello che lo sta per attendere:
mentre esce dal parcheggio della concessionaria X viene affiancato da un ragazzo che lo colpisce a morte con uno o forse più colpi d’arma da fuoco.
Il colpo verrà subito udito da i presenti nei paraggi che successivamente riporteranno alle forze dell’ordine quello che hanno visto:
due ragazzi in tuta, visibilmente di etnia afro-americana si sono avvicinati alla vettura, uno di loro indossava una maschera di colore rosso e si è occupato di X mentre l’altro ha preso una borsa dalla macchina dell’artista.
Subito dopo i due si allontaneranno dalla scena del crimine a bordo di un Dodge Journey nero lasciando il corpo senza vita di Jahseh nella vettura in attesa di qualcuno che intervenga, invano purtroppo, in suo aiuto.


  • I SOSPETTI SECONDO LA VERSIONE DEI MEDIA

Il mondo e sopratutto i fan iniziano immediatamente ad interrogarsi sul perché e su chi possa aver ucciso il loro punto di riferimento, l’artista e magari l’unica persona che in momenti bui della loro vita è riuscito a risollevarli coi suoi testi.
E’ noto che X non godesse di ottimo rapporti con l’intero pianeta.
In passato si è reso protagonista di fatti e comportamenti deplorevoli che lo hanno visto accusato di violenza su una donna incinta (la sua ragazza peraltro) e che lo hanno quindi portato a passare un lungo periodo in carcere.
Qui registrerà alcune delle sue tracce di maggior successo, come “Look At Me” che lo porteranno ad una visibilità di livello mondiale.
Anche una volta uscito dal carcere però X non smette di attirare odio verso di se:
il video di “Riot” indegna parte della critica e del mondo, l’artista viene accusato di “razzismo verso i bianchi” e riceve anche diverse lettere minatorie da parte di alcuni membri ed esponenti della setta del Ku Klux Klan.

Una ritorsione di questo tipo è infatti la prima ipotesi che verrà formulata, tuttavia il giorno seguente, martedì 19 giugno le ipotesi sul colpevole si spostano su altre due persone. Questa volta con nome, cognome e indizi a prova dell’accusa ben precisi.

Iniziano a circolare sul web la notizia che  Soldier Kidd e l’amico Soldier JoJo sarebbero i responsabili della morte di X.
Soldier Kidd ha infatti postato nella giornata di lunedì una foto su una macchina in cui si vede chiaramente la presenza di una maschera rossa. I testimoni presenti sul luogo del crimine avevano appunto dichiarato che gli aggressori erano due ragazzi di carnagione scura e che uno di loro indossava una maschera, proprio di colore rosso.
Un altro indizio viene dato dal fatto che Soldier Kidd avrebbe postato un boomerang sul suo profilo mentre si trovava in un ristorante a Deerfield Beach, a soli 5 minuti da dove è stato trovato il corpo senza vita di X.
Mettendo in pausa il boomerang si poteva anche notare un particolare non affatto irrilevante: il rapper aveva con se una pistola.

Poche ore dopo, anche in seguito alle accuse di colpevolezza sul suo conto, il rapper interverrà sulla vicenda postando un video sul suo profilo in cui negava il suo coinvolgimento nella vicenda.


Un secondo indizio verrà dato da alcuni screen catturati dal account Twitter di Soldier Kidd in cui il rapper affermava di essere stato lui ha uccidere X. Il tweet verrà in seguito cancellato e il profilo Twitter verrà disattivato.

  • PERCHE’ SECONDO ALCUNI POTREBBE ESSERE ANCORA VIVO?

Sinceramente ci sembra al quanto difficile pensare che nel caso fosse un “troll” venga tenuto in piedi per cosi tanto tempo e con questa portata. La notizia oltre che essere stata riportata su tutti i principali magazine statunitensi ha anche fatto il giro del mondo, ed è stata riportata pure qui nel nostro paese nell’edizione giornaliera di “Studio Aperto”.
La notizia del decesso è stata anche ufficializzata dallo sceriffo della contea dove sarebbe avvenuto l’omicidio e nelle ultime ore anche dallo staff dell’artista.

Quali sono allora i motivi che portano alcune persone a pensare che si tratti di una mossa pianificata e architettata?

1) Non esiste nessuna foto o video di lui che viene trasportato all’ospedale e nemmeno nessuna del suo arrivo. Al quanto strano in una società come quella in cui viviamo oggi in cui tutto viene, purtroppo, prontamente filmato dai cellulari. Abbiamo un solo video che mostra  quanto riportato dalla vicenda.
2) Nel video che gira sul web del corpo di X trovato in macchina non si vede nessun tipo di traccia di sangue.
3) Il proiettile non poteva arrivare a colpire il petto di X senza causare dei danni anche alla vettura, l’unico modo in cui poteva colpirlo senza riportare danni alla vettura era sparando sul viso. Dal video tuttavia non si vede nessun danno e segno di proiettile sulla vettura e nemmeno nessuna presunta ferita sul viso.
4) Nel video in cui viene filmato il corpo dell’artista non si vede nessuno dei tatuaggi che ha in faccia. Quello in fronte potrebbe non vedersi a causa della luce e del riflesso, ma X ha di recente fatto un tatuaggio abbastanza grande sulla guancia sinistra che nel video si sarebbe dovuto sicuramente vedere.
5) Durante le ore in cui X doveva essere già deceduto, la foto del profilo Instagram è improvvisamente cambiata. A quanto si sa l’account è gestito direttamente da lui e da nessun altro. Ma anche se fosse gestito da qualche membro del suo staff che motivo c’era di cambiare la foto?
6) Sembra strano che i due maggiori accusati per l’omicidio abbiano postato prove cosi schiaccianti contro di loro e che nonostante questo siano ancora a piede libero.
7) Nell’ultimo periodo X ha postato molte volte su Twitter post in cui affermava: “se mai dovessi morire vorrei rinascere”.

Quale potrebbe essere allora l’obiettivo segreto, se ma davvero ci fosse, che si cela dietro a questa macabra vicenda?

Alcuni sostengono che tutto questo sia solo un piano ben studiato dall’artista e dal suo team per lanciare il prossimo album. Quest’ultimo infatti si potrebbe proprio chiamare “No Pulse” (Senza battito).
Quindi l’idea che alcune persone si sono fatte è che questa vicenda sia stata creata a tavolino per “pompare” e creare hype su un possibile album inedito in arrivo che uscirebbe come ultimo album dell’artista facendo quindi lievitare considerevolmente i profitti.
Sempre secondo quelli che credono a questa teoria, in seguito alla pubblicazione dell’album, non avremmo più notizie dell’artista che potrà in tal modo ricostruirsi una vita sotto un altra identità sicura e avverare il suo desiderio di “rinascere”.

I cambiamenti nel mercato delle vendite sono già visibili fin da ora.
L’album di debutto di X,  “17 ” è  salito in vendite del 9000%, mentre il suo album più recente,  “? ” è aumentato del 41,306% nel giro di poche ore.
Il singolo, rapper “SAD!” è attualmente detiene il primo posto delle classifiche di iTunes mentre “Chages” è al numero 5. Inoltre, entrambi gli album si sono inseriti nella top 10 delle classifiche di iTunes. “? ” al numero 3, mentre  “17 ” al numero 5.
Oltre alle vendite digitali massicce, le copie fisiche di entrambi gli album hanno anche visto un picco.

  • IL CASO SPOTIFY

Come ricorderete tempo fa Spotify aveva deciso di togliere le canzoni di X da tutte le sue playlist ufficiali della piattaforma perché secondo la compagnia di streaming non portavano messaggi accettabili istigando a comportamenti devianti.
Clicca qui per leggere l’articolo

Nella giornata di oggi invece la piattaforma Spotify sembra aver cambiato idea ed ha dedicato a X nuove playlist mettendole in evidenza tra le playlist consigliate agli ascoltatori.
Solo solidarietà o astuto marketing? Direi la seconda.

  • LE PAROLE DELL’AVVOCATO

L’avvocato di X, David Bogenschutz, ha parlato per la prima volta della morte del suo cliente nella giornata di mercoledì 20 giugno.
Dopo quasi 48 ore dalla morte di X  non ci sono ancora molte informazioni relative a quello che è successo. Tuttavia, Bogenshutz ritiene che l’omicidio sia stato un risultato violento di “una rapina casuale”.
“Penso che sia andato in banca prima che accadesse”, ha detto Bogenschutz a Sun-Sentinel “Penso che la determinazione fosse che voleva comprare una moto, ma [gli investigatori] non stanno sottovalutando nessuna teoria”.
Nel frattempo l’ufficio dello sceriffo della contea di Broward è ancora alla ricerca di contatti che possano fornire maggiori informazioni sulla vicenda. Nel frattempo è stata attivita una ricompensa di 3000 dollari a tutti coloro che offrano suggerimenti, anche anonimi utili a procedere ad un arresto.

  • LA DICHIARAZIONE UFFICIALE DEL TEAM

Una dichiarazione ufficiale del team staff di X è tardata rispetto al previsto. La squadra ha rilasciato un comunicato solo nella giornata di mercoledi scrivendo:

Il 18 giugno 2018, Jahseh Onfroy, conosciuto in tutto il mondo come XXXTentacion, è tragicamente scomparso da una ferita da arma da fuoco a Deerfield, in Florida. È con grande tristezza che vi confermiamo la notizia in questa dichiarazione ufficiale dal suo team manager Solomon Sobande, EMPIRE, Bob Celestin, Esq. e AKW PR.
In ossequio alla sua famiglia, ai suoi amici e ai suoi cari e alla luce di ulteriori indagini, chiediamo che la loro privacy sia rispettata in questo momento.
XXXTentacion ha toccato le vite di milioni di persone in tutto il mondo e risiederà per sempre nei cuori di innumerevoli fan che hanno ascoltato la sua musica, hanno assistito ai suoi concerti e sentito il bagliore del suo spirito incontenibile, innegabile e unico.
Notizie relative ai funerali verranno annidiate prossimamente.

  • TUTTO IL MONDO HIP-HOP HA REAGITO ALLA NOTIZA DELLA SUA SCOMPARSA

Ski Mask

Lil Yachty

Smoke Purpp

Rest In Peace x 😣😣😣I don’t even know what to say this is crazy man..

Un post condiviso da PURPP (@smokepurpp) in data:

The Slump God

I Love You , I’m Sorry For Everything , Forever Jahseh Fucking Forever

Un post condiviso da Stokeley (@theslumpgod) in data:

2Chainz

I PRAY IT ISNT TRUE AND IF IT IS GOD BLESS THE ONES THATS CLOSE TO HIM ,

Un post condiviso da 2 Chainz Aka Tity Boi (@2chainz) in data:

Kanye West

J Cole

Kodak Black

RIP @xxxtentacion

Un post condiviso da The Big Stepper (@kodakblack) in data:

Lil Pump

 

Dicci cosa ne pensi commentando il nostro post su Instagram!

Torna indietro




Vota l'articolo per farci sapere quanto ti è piaciuto!

© Copyright 2018, All Right Reserved - Privacy    TrapItaly